Un solo interesse: la salute delle persone.

 

Accorpamento Asl Aso di Alessandria – Ora possiamo discutere di futuro.

“Una sfida che per la Politica non è conveniente, nemmeno comoda. Ma è giusta per i cittadini.”

Abbiamo superato il Piano di Rientro tra mille difficoltà e probabilmente abbiamo commesso qualche errore in provincia di Alessandria nell’affrontare un cambiamento così radicale in un territorio così ostile. In ogni caso quel Piano è stato superato. Ora le domande sono altre: così proseguendo rischieremo a breve nuovi disequilibri? Il sistema nella nostra zona reggerà l’urto dei nuovi bisogni di salute ai quali dovremo fare fronte con medesime risorse? Quanto siamo lontani dal praticare un modello ottimale che è stato attivato in alcune Regioni d’Italia e in altre zone del Piemonte?

Su questo ultimo punto voglio dire che non esiste un modello standard replicabile ovunque, esiste solo un vestito diverso, unico, cucito addosso alle esigenze del territorio. Quindi, qui da noi, sono convinto che in uno schema policentrico il valore aggiunto deve essere la rete degli ospedali in relazione con la medicina territoriale e con gli enti gestori delle politiche sociali (che, per essere chiaro, dovranno essere quattro, non sei o sette). Ma un nodo centrale della rete sarà l’hub di Alessandria che non risulterà un elemento tendenzialmente concorrenziale, non del tutto cooperante, come ora capita. E questo sarà un bene per tutti, soprattutto per le periferie.

Cosa non funziona oggi, non per colpa di qualcuno, tantomeno dell’attuale management, ma per i limiti del sistema duale? O meglio, per essere precisi, in quali ambiti possiamo migliorare?

Sono scritti molto bene ma possiamo migliorare alcuni Piani Diagnostico Terapeutici Assistenziali, così come il progetto di abbattimento delle liste d’attesa, le appropriatezze delle cure, dalle diagnosi ai ricoveri, fino alle dimissioni, e possiamo migliorare anche il sistema dell’emergenza. Leggiamo i dati, non elaborati da me ma dalle aziende, sui risultati di esercizio del I semestre 2017: Asl Alessandria ha un deficit di 11.443.000 recuperabile, è vero, ma è la peggiore perfomance tra le Asl di Piemonte 2. Aso perde 6.402.000, una cifra su cui incidono diverse variabili e nemmeno tutte di sistema, ma è anch’essa la peggiore Aso di Piemonte 2. Inoltre abbiamo la maglia nera con il dato sulla mobilità passiva, numeri impressionanti che stanno a dimostrare che per diverse patologie i nostri concittadini vanno a curarsi altrove. Aggiungo un’altra questione: abbiamo (ho) emendato il piano obiettivi 2017/2020 di IRES Piemonte chiedendo uno studio entro sei mesi per un nuovo ospedale. Questo studio finalmente produrrà dati sulle attuali strutture che a noi mancano e che ci permetteranno di compiere una scelta in base ad elementi di carattere scientifico, non basate su opinioni più o meno legittime. C’è una premessa però: nessun nuovo ospedale sarà possibile con due aziende attive, e non devo di certo dare spiegazioni su questo argomento almeno a chi possiede due o tre elementi di base sull’amministrazione pubblica. Ma l’accorpamento è la panacea di tutti i mali? Certo che no. Ma è una predisposizione al cambiamento, una mutazione negli atteggiamenti, una sfida accettata.

Accorpare non significa ridurre. Infatti non ridurremo nulla. Né le strutture complesse tantomeno le strutture semplici. E non ridurremo nemmeno il trasferimento del fondo sanitario regionale che sarà pari alla somma del fondo attualmente erogato alle due aziende. Quindi sui contratti tutti possono dormire sonni tranquilli. E allora chi si lamenta? C’è qualcuno che ha paura di questo cambiamento?

Fino a queste righe ho parlato di tutto fuorché di salute. Ma è l’unica cosa che mi interessa in tutta questa storia. Mi si dice che al tempo delle elezioni non bisogna inserire elementi di cambiamento dei sistemi perché gli elettori non capiscono e votano contro. Vero, tutto vero. Ma non decidere ora significa rinviare di altri tre anni quando certamente ci saranno altre elezioni, altre ragioni, le stesse di oggi, per non decidere. Vivo l’ipotesi di accorpamento come una opportunità per rileggere i bisogni di salute della nostra gente restituendo un sistema pubblico adeguato, nuovo, rafforzato, meglio strutturato per affrontare le sfide del futuro. Se dovrò pagare un prezzo elettorale per un’idea, una tensione ideale, un valore, io sono disponibile a pagarlo. Ma preferisco così piuttosto che altro. Entro 60 giorni la Giunta produrrà un disegno di legge che sarà depositato in Commissione. Da lì in poi vedremo cosa accadrà. Ma qualsiasi cosa dovesse accadere voglio assicurare che ho solo pensato a rafforzare i servizi della sanità pubblica. E sono certo che con questo pensiero hanno votato a favore tutti i colleghi di maggioranza e il Movimento 5 Stelle a cui va la mia stima per aver deposto le bandiere in ragione degli interessi del territorio. Sono dispiaciuto per le posizioni di una parte della destra; non le giudico, ma sanno tanto di bassa campagna elettorale e di poco elegante difesa delle poltrone.

Chiudo con una frase che vorrei appartenesse al comune sentire di chi è protagonista nelle Istituzioni: “La vera misura di un uomo non si vede nei suoi momenti di comodità e convenienza, bensì tutte quelle volte in cui affronta le controversie e le sfide.” Una frase pronunciata da Martin Luther King. Appunto, questa è una sfida che non è conveniente, nemmeno comoda. Ma è giusta.

Share