Siamo la Regione con i costi della politica più bassi d’Italia.

Approvato il Rendiconto del Consiglio Regionale.

Con un avanzo di esercizio di 11 milioni di euro, dei quali 2,5 disponibili, il Consiglio Regionale del Piemonte ha approvato il Rendiconto generale per l’esercizio finanziario 2016. Abbiamo portato il costo del Consiglio dai 68 milioni di euro del 2012, agli attuali 48 milioni. Il costo di funzionamento dei Gruppi consiliari, poi, è passato da oltre 2 milioni di euro a circa 175mila.

Oggi possiamo dire con molta soddisfazione che è stato fatto un lavoro che ci consente di essere la Regione con i costi della politica più bassi d’Italia. Siamo di gran lunga meno pagati rispetto a Regioni come la Valle D’Aosta, il Molise o la Basilicata, che hanno un trattamento economico dei consiglieri molto superiore al nostro. Si parla spesso dei costi della politica e dei tanti privilegi che negli anni in molti hanno accumulato. Non è il nostro caso e non è il caso di questa Legislatura piemontese. Mi auguro si colga l’occasione anche per parlare di ciò che abbiamo tradotto in fatti andando ben oltre le parole o le intenzioni espresse in campagna elettorale.

Domenico Ravetti

Consigliere Regionale – Vice Presidente gruppo PD

 

PD Alessandria: in sintonia con i pensieri della città evitando personalismi, cerchie ristrette e banalizzazioni.

 

Lettera aperta

Caro Segretario, cara Presidente, care e cari tutti,

 

abbiamo perso. Abbiamo perso tutti, nessuno escluso, in verità qualcuno ha perso più di altri ma la sostanza è la stessa. Ha perso il segretario nazionale, la candidata a Sindaco, il Partito, la coalizione. Nessuno si senta escluso in questa sconfitta e nessuno tenti la via breve dell’autoassoluzione, in fondo c’è chi cade a terra, ammette la caduta e si rialza, e c’è chi pretende di non essere caduto e comincia irrimediabilmente a divorziare dalla realtà. La questione vera è comprendere le ragioni della sconfitta e per questa attività abbiamo bisogno ancora un po’ di tempo, qualche settimana in più per consentire alla quiete di riportare ordine. Certo è che in Alessandria, ma non solo in Alessandria, come in una tempesta perfetta si sono sovrapposte diverse congiunture sfavorevoli. Può non piacerci ma la verità è che in questa fase storica il Partito Democratico quando deve affrontare le elezioni con un sistema maggioritario con doppio turno soffre tremendamente nel fare coalizioni e alleanze vincenti. E sul tema insiste una ragione di fondo: siamo al Governo della Nazione con grande senso di responsabilità ma con una continua e costante (anche se su alcuni argomenti poco comprensibile) tensione mossa dai partiti con cui alle amministrative abbiamo costruito la coalizione, una tensione a cui il segretario nazionale risponde non certo con i fiori. Abbiamo diviso i dirigenti, ma in Alessandria i dirigenti abbiamo fatto in fretta a riunirli; il problema è che in Alessandria e in Italia abbiamo abituato il nostro popolo al conflitto interno e alle urne non lo abbiamo più ritrovato sotto la medesima bandiera.

Inoltre il PD è in calo non solo nei sondaggi, che valgono quello che valgono, è in calo nelle speranze degli italiani per non aver saputo, o potuto, affrontare alcune grandi questioni sociali che hanno a che fare con i diritti delle persone. Dal 2014 ad oggi abbiamo messo in fila una sequenza di sconfitte elettorali e referendarie che dovrebbero almeno imporci una seria riflessione, attività che pensiamo, sbagliandoci, di aver svolto con le ultime Primarie. Vogliamo ancora una volta ribadire con semplicità che è chiaro da tempo che i congressi finiscono il giorno dopo e che l’ago non va utilizzato in politica per pungere ma per cucire; non siamo interessati ad indebolire nessuno, tantomeno il Segretario Nazionale, però cosa deve ancora capitare per capire che così facendo rischiamo tutti di sbattere contro i prossimi muri? Forse salveremo un pezzo di classe dirigente ma non metteremo in sicurezza l’Italia dall’avanzata delle destre e del populismo.

 

Poi restano sul tavolo le ragioni tutte locali della sconfitta. Ed è proprio su queste che abbiamo bisogno più tempo per l’analisi. Intanto abbiamo capito che la buona amministrazione è la premessa per poter essere ricandidati ma non è la garanzia per poter vincere. La sintesi politica è più o meno questa: abbiamo risanato i conti dell’amministrazione e gli elettori hanno riconsegnato la città alla parte politica che ha generato in buona misura i problemi. Non consoliamoci con la retorica, qui non è che non ci hanno capiti o che non siamo stati bravi a comunicare quanto era complicato amministrare. Qui, in questa storia, in questa città, c’è stato un giudizio politico gemmato da un radicamento culturale a noi avverso che sotto traccia ha determinato la sconfitta. Su questo punto dobbiamo concentrare l’analisi. E allora forza! E’ arrivato il tempo per un dibattito, nuovo, aperto, inclusivo e privo di infingimenti; abbiamo bisogno di riconnetterci con i pensieri della città evitando personalismi, cerchie ristrette e banalizzazioni che rischiano d’essere il vero e grande nemico del PD di Alessandria per i prossimi mesi.