Centro sinistra: prima una coalizione poi il leader della coalizione.

Ago e filo per individuare un nuovo terreno comune con medesimi valori e stesse priorità programmatiche.

Cerchiamo di capirci. Nel 2018 e nel 2019, prima con le elezioni politiche e poi con le Regionali e Amministrative, affronteremo il giudizio dei cittadini con leggi elettorali che avvantaggeranno le coalizioni. Questa verità non genererà un automatismo tale per cui tutti i partiti saranno costretti ad alleanze certe, tant’è che il Movimento Cinque Stelle di sicuro sarà un competitor autonomo. Per ragioni opposte la questione non riguarda nemmeno il centro destra siccome appare evidente che l’eterno Berlusconi non si lascerà sfuggire l’opportunità di vincere mostrando la fotografia insieme a Matteo Salvini e Giorgia Meloni. Il tema da svolgere sulla coalizione riguarda il PD e tutto il centro sinistra. Ma con quali contenuti? Sì, i contenuti, perché le Primarie per il leader non rappresentano un contenuto. Prive di Politica le Primarie determinano solo un soggetto a capo di un cartello elettorale. Quindi prima del nome o dei nomi ripartiamo dalle idee, dal progetto che abbiamo per l’Italia e per L’Europa. Ripartiamo da un minimo comune denominatore di valori e di priorità programmatiche, questioni vere, che interessano i cittadini e che delimitano il campo comune delle identità per i Partiti della coalizione. In quel campo condiviso potremo muoverci in autonomia valorizzando le differenze che rappresenteranno un valore aggiunto non il limite delle incompatibilità. Dopo, solo dopo, decideremo insieme quale sarà il leader. Ad oggi io sono un iscritto del PD, un Partito che è dotato di uno Statuto poco chiaro in diversi articoli ma senza possibilità di interpretazioni sulla candidatura del segretario alla Presidenza del Consiglio. In quella coalizione il mio Segretario deve essere il candidato del PD alle Primarie di coalizione. Non ho dubbi. Ma è il mio Segretario che ci deve assicurare che può costruire le condizioni preliminari, cioè la coalizione elettoralmente competitiva fondata su valori e su programmi condivisi. Il punto vero è che Renzi da solo non basta: devono fare altrettanto gli altri Partiti della sperduta galassia della sinistra. A meno che gli altri Partiti della sinistra siano convinti che l’obiettivo è l’eliminazione politica di Matteo Renzi oppure che il PD non sia un Partito per alleanze a sinistra. Sarebbe una follia ma se così fosse…

Share