CARENTINO: IMPIANTO DI RECUPERO E RIUTILIZZO DI FANGHI DA DEPURAZIONE.

Serve un dibattito pubblico per diffondere tutte le necessarie informazioni. Ravetti: “Sarò al fianco dei Sindaci del territorio.”

Sono venuto a conoscenza della proposta di realizzazione di un nuovo impianto di recupero e riutilizzo di fanghi da depurazione biologica nel Comune di Carentino già depositata presso gli Uffici preposti della Provincia di Alessandria e pubblicato nell’apposita sezione del sito internet.

Non entro nel merito del progetto perché per lo stesso, con i tempi sanciti dalle norme, saranno avviati approfondimenti di natura tecnica per le verifiche delle compatibilità ambientali e, più in generale, per il rispetto delle regole. Prendo atto che stiamo parlando di una attività di “taglia” significativa perché potrebbe trattare sino ad un massimo di 30.000 T/anno di rifiuti non pericolosi costituiti principalmente da fanghi di depurazione biologica e scarti vegetali.

Tale dimensione ha allarmato parecchi cittadini che, in forma singola o organizzata, anche attraverso le Amministrazione Comunali del territorio, chiedono chiarimenti.

Sono certo che a tutela di tutti sarebbe opportuno un dibattito aperto, puntuale e rassicurante così da poter disporre di tutte le necessarie informazioni. In questo senso assicuro il mio sostegno a tutti i Sindaci del territorio.

 

Share