Risparmi per i cittadini ed efficienza per lo Stato solo con L’Autonomia Fiscale.

Basta con la discussione sui trasferimenti dello Stato agli Enti Locali.

Ho partecipato di recente ad una riunione con alcuni dirigenti del PD locale per un confronto sul futuro delle Amministrazioni Provinciali, in particolare sul futuro della Provincia di Alessandria. E’ stata un’occasione utile per riflettere anche sulle condizioni dei Comuni e sullo stato delle riforme fino ad ora avviate.

Ho apprezzato molto gli interventi che contenevano ipotesi di lavoro di prospettiva e ho ascoltato con qualche dubbio ma con rispetto gli interventi animati esclusivamente da critiche sul passato. Il punto politico che provo da qualche mese a ripetere è che il nostro Paese ha bisogno di un “Localismo strategico”, per utilizzare una definizione cara ad alcuni Costituzionalisti. Localismo non equivale a “campanilismo” ma al progetto di uno Stato giusto ed efficiente che garantisce l’utilizzo dei servizi pubblici locali attraverso il sistema delle Autonomie.

Nella discussione dell’altra sera il tema del trasferimento di risorse ai Comuni e alle Province per erogare servizi è stato ripreso da tutti nell’accezione negativa in quanto, come è noto, da decenni quei trasferimenti vengono progressivamente decurtati.

E’ proprio su questa disputa che la Politica deve trovare una via nuova che nella sostanza è sempre stata indicata ma non è stata mai percorsa. Pur con principi di solidarietà nazionale è giunto il tempo dell’Autonomia Fiscale per gli Enti Locali. Abbiamo bisogno di un’Italia dove i cittadini pagano, e pagano meno, per ottenere un servizio esattamente l’Ente che lo ha erogato. Questo è il Federalismo e questa è anche la semplificazione e, se il metodo viene applicato con equità e correttezza amministrativa, risulta meno costoso del sistema in cui viviamo che è palesemente centralista e vessatorio.

Faccio una domanda che mi rendo conto possa apparire alquanto banale: quanto tempo deve ancora trascorrere prima di definire a cosa servono le Istituzioni previste in Costituzione, quali servizi esattamente erogano, cosa costano quei servizi e quanto devono pagarli i cittadini/contribuenti?

Domenico Ravetti

Consigliere Regionale

 

Share