Oncologia a Casale Monferrato.“Polemiche sempre utili ma non superare il limite della verità”

Sono da sempre convinto dell’importanza del ruolo delle opposizioni che, per essere utili alle comunità, devono anche utilizzare toni aspri e critiche pungenti. Per questo non mi hanno mai sorpreso le decine di comunicati stampa del centro destra contro il salvataggio della sanità pubblica piemontese; mi ha sorpreso la facilità con cui Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia hanno dimenticato le loro responsabilità politiche circa il fallimento del sistema sanitario e la loro incapacità di superare il “piano di rientro” quando erano al Governo del Piemonte, incapacità dimostrabile dai documenti tuttora pubblicati sul sito del Ministero competente.

Ma l’ultimo comunicato stampa firmato da esponenti della Lega Nord e di Fratelli d’Italia dimostra quanto ad una certa destra, con evidenti sfumature di incompetenza sulla materia, interessi molto più la polemica finalizzata ad ottenere consenso a buon mercato superando pure il limite della verità.

Scrivono: “Ad Ivrea (molto più piccola di Casale e con un territorio di riferimento minore) viene rinnovata Oncologia e il medesimo Reparto casalese, città che vive una problematica tristemente unica con le malattie amianto correlate, viene chiuso e i posti letto tagliati?

Semplicemente quello che è stato scritto sull’Oncologia casalese non è vero. E’ vero che si può fare di più e meglio, non ho dubbi. E’ vero che dopo il salvataggio della sanità pubblica piemontese dovremmo progettare insieme il futuro (per esempio rilanciando idee e concretezza per la Ricerca sul mesotelioma). E’ vero che le opposizioni devono fare il proprio mestiere, ma sulla salute dei nostri concittadini servirebbero prudenza e affidabilità, elementi utili a restituire anche autorevolezza alla Politica.

Share

Federalismo Comunale!

Al referendum lombardo veneto sull’autonomia fiscale non si risponde NO.

Si risponde: “Federalismo Comunale”

L’iniziativa politica di Roberto Maroni e Luca Zaia con il referendum per l’autonomia fiscale della Lombardia e del Veneto merita attenzione e rispetto. Non possiamo da sinistra rubricare sotto voci sbagliate un tema che rimette al centro dell’azione politica la questione irrisolta del Federalismo e delle Autonomie Locali. Il testo del referendum lombardo recita “Volete voi che la Regione Lombardia, nel quadro dell’unità nazionale, intraprenda le iniziative istituzionali necessarie per richiedere allo Stato l’attribuzione di ulteriori forme e condizioni particolari di autonomia, con le relative risorse, ai sensi e per gli effetti di cui all’articolo 116, terzo comma della Costituzione?”. La domanda non include elementi beceri di quel secessionismo nemmeno più caro alla Lega ma allude ad un nuovo dibattito che scardina l’idea del neo centralismo praticato nei fatti da più di un ventennio. Andiamo con ordine.

I Comuni, soprattutto i più piccoli, hanno pagato un prezzo rilevante per ridurre il debito pubblico della Nazione. Negli anni è capitato che la stessa mano, pur con colorazioni politiche diverse, ha applicato “tagli” poderosi ai trasferimenti dello Stato verso le Autonomie Locali mettendo a dura prova gli Amministratori nel mantenere inalterata la qualità dei servizi. E i servizi nei Comuni sono i Diritti che determinano la qualità della vita dei cittadini: scuole, trasporti, rifiuti, politiche sociali.

Quei tagli sono stati applicati in un campo di continui stravolgimenti delle regole ai limiti dell’interpretazione individuale delle norme da applicare, norme che di mese in mese hanno determinato solo confusione.

Ma l’Italia è l’Italia dei Comuni, della bellezza dei suoi borghi antichi, l’Italia è l’Italia delle comunità solidali che si organizzano democraticamente attorno al Palazzo del Sindaco con reti sociali inclusive e idee per lo sviluppo dei territori. Quei Palazzi, quei Sindaci e quei Consiglieri Comunali sono le articolazioni dello Stato più vicine alla nostra popolazione che meritano più fiducia e più autonomia finanziaria e decisionale proprio per il bene dei territori che amministrano. Negli anni della “riforma incompiuta” delle Province è arrivato il tempo per un nuovo patto per definire il paniere dei servizi da affidare ai Comuni con certezze circa le coperture dei costi che non possono dipendere dai trasferimenti statali ma dall’autonomia fiscale. Per scrivere il Futuro dobbiamo tornare ai principi del Federalismo Comunale con profili solidali (e con chiarezza sulle competenze) consapevoli che per alcuni servizi gli ambiti territoriali ottimali per produrre efficacia ed efficienza non potranno essere quelli delle mura antiche d’ogni paese. Forse è in questo contesto sovracomunale che potremo trovare un ruolo alle Province salvate dal No al Referendum del dicembre scorso.

Ed è in questo contesto che può trovare le sue ragioni il referendum lombardo veneto. Altrimenti rischia d’essere un’iniziativa velleitaria che rafforza un tratto delle componenti politiche del centro destra ma che non risolve un solo problema ai cittadini.

Domenico Ravetti

Consigliere Regionale

 

Share

Avremmo bisogno semplicemente di un Partito normale.

PD, Congressi di Circolo e Congressi provinciali. Più in là quello regionale.

 

Tra qualche settimana inizierà la stagione dei congressi di circolo e dei congressi provinciali del Partito Democratico. Quindi anche nella nostra provincia avvieremo le procedure per eleggere i gruppi dirigenti locali che avranno il compito non semplice di affrontare i passaggi politici per il prossimo quadriennio.

Gli iscritti saranno gli unici a potersi esprimere, vedremo nei prossimi mesi se verranno nuovamente utilizzate le Primarie aperte a tutti gli elettori per la scelta dei segretari Regionali, scelta prevista più in là nel tempo. Dico subito che sull’argomento – Segretario Regionale – la discussione non può essere svolta esclusivamente dentro le mura torinesi per di più solo tra soggetti della medesima componente politica. Per come si è aperto il confronto nelle schermaglie agostane, e se così dovesse proseguire, mi pare del tutto naturale immaginare una reazione segnata da candidature con caratteristiche differenti da quelle che i giornali riportano. Ma per questo appuntamento tutti abbiamo ancora del tempo e hanno del tempo anche quelli che dovranno essere più inclusivi se vorranno provare a vincere.

Non abbiamo invece molto tempo per decidere il da farsi nei Circoli e nelle Unioni provinciali. C’è un errore che non dovremmo commettere: la corsa al tesseramento, i pacchetti di tessere utili solo ad imporre un segretario funzionale a qualche progetto. E di solito i progetti in queste vicende non sono mai per i cittadini.

Per essere un Partito normale avremmo bisogno di un confronto politico serio sul futuro dei nostri territori. E’ un’occasione incredibile che non possiamo gettare al vento in quanto più interessati alle sfide muscolari tra filiere di dirigenti. L’occasione dei congressi è quella di un confronto sulle prospettive che riguardano le piccole e grandi questioni di interesse pubblico: posso fare un elenco, ognuno può fare il suo, di certo il PD dovrà posizionarsi nel dibattito sulla gestione dei rifiuti, sulla sanità, sul trasporto pubblico locale, sullo sviluppo economico, sul lavoro e su tanto d’altro.

In un Partito normale dovremmo dividerci su idee diverse per il futuro, non sulla scelta dei nomi che potrebbero garantire più tranquillità per il futuro delle prossime candidature.

Il 2018 sarà l’anno delle elezioni Politiche, e vedremo che capiterà e con quale legge elettorale; il 2019 sarà l’anno delle elezioni regionali e delle amministrative dove andranno al voto città come Novi Ligure, Tortona, Casale Monferrato, Ovada, e lì avremo bisogno di coalizioni competitive. Quello che voglio dire è che nell’approccio con quegli appuntamenti possiamo provare a cancellare il passato ma la verità è che veniamo da filotti perdenti di assoluto rilievo come le Amministrative 2016 di Torino, il Referendum del dicembre scorso e le Amministrative 2017 di Alessandria.

Per tornare ad essere vincenti alle elezioni non basta raddoppiare il tesseramento, non basta stringere accordi e “accordicchi” e non basta chiedere al mondo di girare sempre attorno agli stessi.

Facciamo attenzione perché quei metodi hanno i giorni contati; alla fine sono sempre gli elettori che decidono e per convincerli gli argomenti sono altri. Sta a noi riconoscerli.

Share

Lettere sul futuro della sanità alessandrina

Caro Mimmo,

provo a scriverti queste righe con lo sguardo di chi, nel panorama della sanità piemontese, vive il mondo della sanità dal di dentro delle sue viscere. Come sai sono prossimo alla pensione, non ho nessuna ambizione di carriera, e vivo la necessità di un cambio di passo dell’organizzazione sanitaria provinciale come una sorta di testamento professionale di chi, credendo fortemente nella bontà di un servizio sanitario pubblico, spera in un’ineludibile riorganizzazione dei servizi resi ai cittadini in campo sanitario. La mia riflessione parte necessariamente dalla mia realtà di pediatra ospedaliero che, come sai, si inquadra nel contesto di un difficile ricambio generazionale, stante la carenza di offerta di nuovi specialisti pediatri immessi dall’università nel nostro mercato del lavoro. Una criticità presente anche per altre specialità e che trova le sue ragioni nella carenza di nuovi medici e specializzandi, ma che vive tutta la sua drammaticità soprattutto in pediatria, dove la duplice scelta fra territorio ed ospedale premia, per motivi contrattuali, soprattutto la prima a discapito della seconda. In soldoni, non si trovano più pediatri disposti ad affrontare una carriera ospedaliera a fronte della più tranquilla e remunerativa posizione garantita al pediatra di famiglia. A fronte di queste carenze che vedrà crollare, per il mancato turn over, il numero dei pediatri italiani da 16000 ad 8000 in meno di un decennio, ma che imporrà anche ad altre specialità una marcata contrazione, credo sia necessario esplicitarti alcune considerazioni.

Primo. La sanità ha inevitabilmente costi crescenti, sia nel campo della diagnostica laboratoristica e strumentale che in campo terapeutico-riabilitativo.

Secondo. Un servizio sanitario pubblico deve garantire standard qualitativi elevati difficili da sostenere in mancanza di un deciso innalzamento del PIL.

Terzo. All’interno del proprio territorio un servizio pubblico non può essere concorrenziale a se stesso.

Quarto. Una duplicazione o peggio una moltiplicazione dei servizi resi ai cittadini a livello provinciale appiattisce le eccellenze per l’impossibilità di garantirne la sostenibilità economica. In provincia esistono sei chirurgie, tre strutture di oculistica, tre punti nascita, cinque cardiologie e altre situazione analoghe. Ci si domanda: queste strutture devono competere o interagire?

Quinto. E’ assolutamente necessario rimodulare l’offerta sanitaria pubblica commisurandola ai reali bisogni dei cittadini.

Sesto.  Due aziende sanitarie, con due dirigenze separate e assolutamente non dialoganti fra loro non può essere in grado né di valutare, in una sorta di triage, i differenti bisogni di salute né di garantire una possibile differenziazione dei servizi

Settimo. Concludo affermando che solo un’unica regia in provincia può e deve far coincidere la domanda con l’offerta, eliminando sprechi a livello di risorse economiche ed umane.

Cordialmente

Riccardo Lera,

al momento in cui scrivo, pediatra, facente funzione di un facente funzione della SC di Pediatria.

 

 

Caro Riccardo grazie,

è una fortuna conoscerti e considero la tua lettera un prezioso regalo che rendo pubblico con il tuo consenso.

Sì, la sanità in provincia di Alessandria è ad un bivio, hai ragione. Abbiamo superato la fase dei debiti e delle incongruenze certificate in quel mortificante “piano di rientro” e siamo all’inizio di un nuovo percorso. Non perdo questa occasione per ricordare che il fallimento della sanità pubblica piemontese, unica Regione del nord tra le dieci d’Italia, è l’effetto la cui causa è da ricercare nella incapacità della politica di assumersi la responsabilità di compiere delle scelte avendo come unico fine la salute dei cittadini. Ho visto troppi soggetti Istituzionali innamorati del potere che per mantenere il consenso hanno rinviato o rallentato il processo di riforma del sistema che inevitabilmente non ha retto la sfida della sostenibilità. Tanto è vero che le riforme migliori, quelle che servono davvero alla comunità intera sono processi di cambiamento che mettono ai margini molti privilegi consolidati. Mi sono convinto che privilegi e consenso sono stati una brutta malattia in Piemonte.

È il destino della mia generazione quello di farsi carico delle tante derive dei nostri tempi, ma non lamentiamoci, guardiamo avanti e cerchiamo insieme delle soluzioni. Torno alle mie prime considerazioni e alla certezza che siamo all’inizio di un nuovo percorso dove sarà possibile attivare buona programmazione riqualificando il sistema, sempre se sarà chiaro a tutti che non potremo tornare al passato.

Le considerazioni che tu mi hai inviato le rendo pubbliche e vorrei fossero elementi di discussione nelle prossime settimane per tutti i tuoi colleghi che come te vivono “il mondo della sanità dal di dentro delle sue viscere” ancor più se “prossimi alla pensione, senza ambizione di carriera” meglio ancora se, come te, ritengono sia arrivato il tempo “di un cambio di passo dell’organizzazione sanitaria provinciale”.

Io sono consapevole che è arrivato il tempo delle grandi scelte nella nostra provincia e sono altrettanto consapevole che se riservassimo questo confronto esclusivamente alle stanze della politica lo stesso finirebbe arenato nella palude della contrapposizione fra le parti.

So che se manterremo l’attuale organizzazione in un decennio dequalificheremo i presidi periferici e perderemo le eccellenze dell’hub alessandrino. Lo so io, lo sai tu e lo sanno tutti quelli che sono in buona fede. Altro che portare la gente in piazza a protestare per difendere i posti letto, i primari, i laboratori.

Aiutateci. Non ve lo chiedo per ottenere dei vantaggi politici, ve lo chiedo per le generazioni che verranno. Se sapremo confinare ai margini privilegi e consenso, se sapremo valorizzare i talenti che già lavorano con noi, se sapremo dare spazi e opportunità ai giovani medici, daremo un futuro alla nostra sanità pubblica. La questione vera è che non abbiamo molto tempo.

Domenico Ravetti,

al momento in cui scrivo Consigliere Regionale.

Share